Consigli per le bici elettriche

La bici elettrica: cosa è e come funziona?

Le e-bike a pedalata assistita (dette anche bipa o pedelec) sono dotate di un motorino elettrico intelligente, che si aziona o si disattiva automaticamente a seconda dello sforzo compiuto dal ciclista sui pedali. Il motore quindi si attiva esclusivamente quando si pedala, fornendo un aiuto al ciclista; se spegniamo il motore, l’e-bike è assimilabile ad una normale bicicletta, ma dotata di prestazioni molto più elevate.

 

A seconda del modello, una bici elettrica a pedalata assistita può raggiungere una velocità massima di 25 km/h, come è anche stabilito dal Codice Stradale, e il motore ha una potenza massima di 250 Watt  ,oggi fino a 1000watt.. Il motorino elettrico può essere ubicato in diverse posizioni: sulla ruota anteriore, su quella posteriore oppure direttamente nella pedaliera. La batteria è alloggiata nel telaio della bicicletta, in particolare sul tubo obliquo, o nel portapacchi.
Le bici elettriche che fanno parte della seconda categoria, invece, possiedono un motore elettrico che funziona in modo autonomo e indipendente rispetto alla pedalata; le due azioni non sono collegate tra loro: la bici procede con l’ausilio del motore senza dover per forza pedalare. Questi modelli non rispettano i criteri stabiliti dalla legge citati sopra, e non sono quindi considerate biciclette a tutti gli effetti, ma ciclomotori elettrici.
Nel tempo e con l’impiego di tecnologie sempre più sofisticate i modelli realizzati si sono evoluti e perfezionati, migliorando le prestazioni: motori elettrici durevoli nel tempo, batterie sempre più leggere, a lunga durata e con un’autonomia maggiore, telai sottili che aumentano la maneggevolezza e la stabilità del mezzo, risultando così adatto per tutte le età e le esigenze.

Leggi tutto “Consigli per le bici elettriche”